2013 ricco di premi per Pogba: Golden Boy e candidatura nel Team of The Year

La scorsa estate Beppe Marotta fece un colpo low cost dal Manchester United per assicurarsi le prestazione del talentino francese Paul Pogba. Di questo ragazzo se ne parlava un gran bene, viste le affinità con il suo compatriota Patrick Vieira ( ex Juventus), e a detta di molti era anche il pupillo di Sir Alex Ferguson, il quale si infuriò dopo aver appreso del suo passaggio alla squadra bianconera.

Ora, dopo due stagioni in maglia bianconera, è chiaro a tutti il motivo della rabbia di Sir. Alex. Il centrocampista francese alla sua prima stagione in bianconero si è fatto apprezzare per le sue doti fisiche, ma soprattutto per le sue grandi doti balistiche vedi gol contro Napoli e Udinese.

Paul Pogba Golden Boy

La consacrazione è arrivata durante una delle partite più difficili della passata stagione, la trasferta di Donetsk, dove per la mancanza di Marchisio, il tecnico juventino Antonio Conte, ha mandato nella mischia il 20enne talentino francese che se la cavò egregiamente giocando una partita di una personalità impressionante vista la giovanissima età. Da lì in poi Conte non ha più voluto far a meno di Pogba facendo addirittura avanzare di ruolo Marchisio.

In questo momento Paul Pogba è uno dei giovani di maggiore talento nel panorama internazionale, e lo dimostrano i titoli conquistati in maglia bianconera: due tricolori, due supercoppe e soprattutto il premio “Golden Boy 2013” di Tuttosport, l’ambitissimo premio consegnato al miglior giovane dell’anno. A questo, bisogna aggiungere la candidatura al “Team of The Year 2013”, arrivata dopo che il francesino è riuscito a scavalcare in graduatoria il compagno Vidal.

Leggi anche –>