Adil Rami: "Il Milan più che una squadra è una famiglia"

E’ un Adil Rami estroverso e simpatico quello che si è raccontato in esclusiva ai lettori di Calcio2000. Amato dalle donne seppure il suo soprannome sia Shrek, il giocatore francese fa un ritratto di se stesso, partendo dagli esordi fino al suo approdo in Italia. Nell’intervista ripercorre quindi il periodo precedente l’approdo in rossonero, quando Rami fu contattato da Bronzetti.

 In quel periodo si era creata una spaccatura tra lui e la società del Valencia, il Milan era alla ricerca di un difensore e il classe 85 a quel punto non ci ha pensato due volte, cogliendo al volo l’opportunità di intraprendere questa nuova avventura: Volevo solo il Milan, delle altre squadre che mi seguivano non me ne è importato minimamente”.

Rami ha svelato che al suo arrivo a Milanello è stato accolto da tutti a braccia aperte, ma la persona che di più lo ha sostenuto all’inizio è stato il connazionale Philippe Mexes. Ha anche dichiarato che è riuscito a integrarsi e legare con tutti abbastanza in fretta: “Il Milan più che una squadra è una famiglia”, queste sono state le sue parole.

Leggi anche: