Allegri contro Sacchi: “Ha 70 anni, non rispondo”

Arrigo Sacchi vs Massimiliano Allegri. Potremmo tranquillamente metterla su questo piano se si trattasse di un incontro di boxe, o addirittura di wrestling. Però, non lo è. Se salissero su un ring di sicuro ci sarebbero tanti ceffoni, ma momentaneamente le parole vengono preferite alle mani. Ne perderà lo spettacolo, ma in fondo è meglio così.

I due non si sopportano, e ormai pure i muri lo sanno. Molti, forse troppi, i battibecchi nel corso degli anni, specialmente da quando Allegri siede sulla panchina bianconera. A Sacchi non piace il tecnico livornese, forse non gli è mai piaciuto, per via del suo stile di gioco concreto ma poco divertente. Eppure i numeri sono dalla parte del toscano che ha vinto 17 delle ultime 18 partite di campionato, recuperando l’handicap iniziale e portando la Juve in vetta alla Serie A, e tenendo testa ad un Bayern che è tra i principali candidati alla vittoria della Champions League. Questi dati all’ex C.T. della Nazionale non interessano e in un’intervista non ha perso tempo per dichiararlo, punzecchiando apertamente sia Allegri che la Juventus.

Oggi in conferenza stampa è arrivata prontissima la reazione del livornese, che alle critiche del tecnico di Fusignano ha risposto: “Veramente mi viene da sorridere perché non so cosa rispondere. Credo che il calcio sia un gioco, molto semplice, di conseguenza è bello perché è opinabile. Esci di qui, o magari tra di voi chiacchieravate sulla formazione, su quello che ha giocato meglio o peggio. Il bello del calcio è questo, quindi io più che rispettare le idee di tutti e soprattutto di Sacchi, che è uno che ha stravolto il calcio, è un guru del calcio, quando parla lo ascoltiamo. Poi uno può essere d’accordo o non d’accordo, questo è un altro discorso, ma questo fa parte della vita, quindi non vedo tutta questa problematica, non ce n’è. Comunque io a Sacchi voglio bene, perché è anche una persona di 70 anni, quindi voglio dire…”.

TUTTE LE NOTIZIE SULLA JUVENTUS