Ancelotti rifiuta il Milan, Rivera: "Nessuna garanzia da Berlusconi"

In casa Milan continua a tenere banco il morigerato “no” con il quale Carlo Ancelotti ha rifiutato l’offerta di allenare nuovamente il club rossonero. Ad essere onesti un esito negativo era quantomeno preventivabile e proprio sull’argomento è intervenuto Gianni Rivera che, a margine del convegno odierno al Museo del Calcio, ha detto la sua: “Credo che Ancelotti abbia rifiutato perché non ha ricevuto da Berlusconi e Galliani le giuste garanzie, ha capito che non avrebbe avuto a disposizione una squadra vincente e perciò ha deciso di riposare”.

Il Milan saluta il sogno Carlo Ancelotti a malincuore, ma il dubbio che la mancanza di garanzie tecniche potesse incidere pesantemente e negativamente sulle scelte di Don Carlo era venuto un po’ a tutti, come confermato da Rivera. L’ex bandiera rossonera ha poi concluso con una battuta sul prossimo allenatore del Milan: “Onestamente non so chi potrebbe essere il prossimo allenatore rossonero. Ma Silvio Berlusconi ci ha sempre abituato a grandi colpi di genio, magari questa volta il colpo potrebbe essere la riconferma di Filippo Inzaghi. Non si sa mai”.

Leggi anche: