Atalanta-Verona 1-2, lancio di sassi e bottiglie tra le due tifoserie

Atalanta-Verona era una partita temuta dal punto di vista dell’ordine pubblico e almeno prima dell’inizio dell’incontro non sono mancati i momenti di tensione. Poco dopo le 13.30 il primo lancio di oggetti da parte degli ultrà bergamaschi verso i veronesi e verso la polizia. I gialloblù hanno risposto ai lanci. La situazione è stata comunque tenuta sotto controllo anche perché al lavoro c’è uno spiegamento eccezionale di forze dell’ordine, circa 400 tra poliziotti, carabinieri e agenti della polizia locale.

Sono stati fatti accedere all’impianto Atleti Azzurri d’Italia prima quattro bus con sopra i tifosi scaligeri, poi è stata l’ondata successiva ad essere stata presa di mira dai locali: hanno lanciato da una strada laterale petardi, sassi e bottiglie contro i mezzi e le forze dell’ordine che li scortavano. I tifosi del Verona erano già nella zona di prefiltraggio: hanno tentato di uscire e hanno risposto all’attacco, lanciando a loro volta bottiglie contro gli atalantini. Polizia e carabinieri hanno però impedito che le due fazioni venissero a contatto.

Leggi anche — > Atalanta-Verona, rivalità accesa tra gli ultras: rischio scontri?