Batistuta malato, l’attaccante confessa: “Volevo tagliarmi le gambe”

Un vero e proprio dramma, quello che ha accompagnato l’addio al mondo del calcio da parte di Gabriel Omar Batistuta, ex bomber della Fiorentina, Roma e Inter.  A distanza di tempo, arriva il resoconto scioccante del suo malessere all’emittente televisiva argentina Tyc Sports.

“Quando ho smesso col calcio – racconta l’ex calciatore argentino – nel giro di poco tempo non riuscivo più a camminare. Il male era insopportabile. Il mio problema è che non ho cartilagini e tendini: i miei 86 chili si appoggiano sulle ossa e questo mi faceva morire dal male. Poi pian piano la situazione è migliorata”.

Eppure, in un momento particolare di crisi, Batistuta aveva anche pensato di tagliarsi le gambe.  “Sentivo talmente tanto dolore alle gambe, che non riuscivo a muovermi e mi urinavo addosso. A un certo punto ho chiesto al mio medico di tagliarmi le gambe. Ho visto Pistorius e pensavo che quella potesse essere la soluzione. Lui mi ha detto che sono pazzo, mi ha operato alla caviglia, ma non è migliorata molto la situazione”.

Leggi anche: