Bilancio Juventus 2015, in perdita per 5,8 milioni di euro

Oggi dal consiglio di amministrazione presieduto da Andrea Agnelli, è stato approvato il bilancio dal 31 Marzo  2015. Dopo i primi nove mesi dell’esercizio 2014-15, il bilancio della Juventus è in perdita per 5,8 milioni di euro, ma nell’ultimo trimestre l’utile è stato positivo per 0,9 milioni, mentre a fine marzo 2014 il bilancio aveva riportato un utile pari a 2,9 milioni. Il risultato previsto appare negativo, ma resta legato a variabili importanti, come  il cammino in Champions League e l’esito della coppa Italia.

Come spiega il sito della vecchia signora in una nota ufficiale, la perdita di 5,8 milioni, rispetto al più 2,9 milioni dei primi mesi della scorsa stagione, viene attribuita a una diminuzione dei proventi da gestione diritti calciatori per 6 milioni, all’incremento (più 6,1 milioni) del costo dei tesserati e dell’altro personale (più 2,4 milioni), degli oneri di gestione diritti calciatori per 2,4 milioni, parzialmente compensati da maggiori ricavi ricorrenti (13,8 milioni), altri ricavi (1,8 milioni) ed altre variazioni nette negative per 7,4 milioni. Il patrimonio netto ammonta a 207,1 milioni di euro, più 1,1 rispetto al saldo negativo a fine giugno 2014. L’andamento dei primi nove mesi evidenzia un incremento del 3,4 per cento dei ricavi, passati a 237,1 milioni a fronte dei 229,2 di un anno fa.

Il CDA bianconero ha ricordato che le “significative risorse destinate nell’esercizio in corso per rafforzare ulteriormente la rosa della prima squadra, trattenere i talenti già in organico e porre le basi per i futuri inserimenti di giovani di ottime prospettive“. 

Leggi anche :

Bilancio Juventus 2015, quanto gravano i nuovi acquisti?