Brocchi e il trequartista? Sì, no, forse….

Prime novità tattiche inserite da Brocchi e primi dubbi in casa Milan per la sfida contro la Sampdoria. Brocchi vorrebbe utilizzare in prima squadra il trequartista, come ha fatto quasi sempre con la sua Primavera, ma l’andazzo di atagione glielo sconsiglia decisamente.

Già in un articolo di qualche mese fa, noi trattammo dell’eterno dilemma del trequartista in casa rossonera, che Mihajlovic risolse scegliendo di utilizzare due punte pure. Il Milan di quest’anno, a conti fatti, non ha la struttura, soprattutto a centrocampo, per reggere un trequartista. Quest’ultimo ha bisogno di avere dietro di sè almeno tre uomini che corrano per 90 minuti buoni, e questi uomini il Milan non ce li ha. La partita contro la Juve ne è una dimostrazione: la squadra bianconera ha infatti vinto quando il Milan è andato in “debito di uomini”.

Il trequartista, inoltre, imporrebbe un dualismo: Bonaventura o Honda? Entrambi avevano fallito in quel ruolo ed erano stati ottimamente riciclati da Mihajlovic come esterni (Honda era addirittura rinato in quel ruolo, mentre Jack ha portato la carretta tutta la stagione e ora è giustamente stanco).

Infine che senso avrebbe cambiare modulo a fine stagione, ora che si era almeno faticosamente raggiunto un equilibrio? La prima partita ci darà qualche indicazione in più, sia come formazione che come risultati. Speriamo che le scelte di Brocchi paghino, e presto…