Calciomercato Estero 2013, Francia e Spagna si rinforzano. Gli italiani vanno all’estero

Mercato estero in fibrillazione nelle ultime settimane. I giocatori cambiano maglia in continuazione, i soldi girano e tutti piazzano colpi importanti: tendenza diametralmente opposta all’Italia, dove per far mercato lo si fa in economia (vedi Tevez e Llorente), si vende per comprare (Cavani) oppure si compra nell’attesa di vendere (Gomez in viola per Jovetic destinato a lasciare Firenze e, forse, l’Italia).

Jose Mourinho

Nei principali campionati europei e in seno ai club più forti del continente non si bada invece a spese per allestire squadre che possano ben figurare dentro e fuori i rispettivi confini nazionali. In Inghilterra, fari puntati sul Chelsea del Mourinho-bis. L’arrivo del portoghese a Stamford Bridge è coinciso con l’allontanamento di Benayoun, Malouda e Ferreira (quest’ultimo era arrivato ai Blues proprio insieme al Mago di Setubal) che hanno terminato il loro impegno contrattuale. Al momento Mourinho ha avuto in dotazione Essien (rientrato dal prestito al Real Madrid), il centrocampista del Vitesse Van Ginkel (ma sarà tutto da testare in Premier League) e ha piazzato l’acquisto di Schurrle dal Bayer Leverkusen. Lo Special One, però, non ha intenzione di fermarsi: pronti 40 milioni per il Liverpool per prendere Luis Suarez (ha però ancora 6 turni di squalifica da scontare per il morso rifilato ad Ivanovic) e tanti buoni argomenti per convincere David Luiz a non accettare la corte del Barcellona.

Lo United ha cambiato guida tecnica (Moyes ha raccolto la pesante eredità di sir Alex Ferguson) e per ora si è accaparrato solo il difensore Varela del Penarol. L’ossatura dei Red Devils è già solida, la tentazione Cristiano Ronaldo non sembra consistente al momento. Se si riuscirà a tenere Rooney (Neymar lo ha chiamato al Barcellona) la squadra resta di altissimo valore.

Manovre più complessa dall’altro lato della barricata di Manchester. In casa City, con Pellegrini in panca dopo il buon anno a Malaga, il rinnovamento è partito. Via Kolo Touré (destinazione Liverpool) e Tevez (alla Juve per 9 milioni più 3 di bonus), sono arrivati Jesus Navas, velocissimo esterno destro del Siviglia e della Nazionale spagnola, e il brasiliano Fernandinho dello Shakthar Donetsk. Si punta ad un attaccante (Osvaldo?) per liberare Dzeko e piace anche l’altro romanista Pjanic.

Osvaldo Roma

Il Tottenham di Villas Boas, dopo aver prolungato il contratto di Bale, ha acquistato Paulinho dal Corinthians, messosi in luce alla recente Confederations Cup e strappato alla concorrenza dell’Inter che lo aveva in mano a gennaio salvo poi farselo sfuggire davanti al peso delle sterline degli Spurs.

In Germania la storia calcistica del prossimo campionato sarà ristretta, con ogni probabilità, a Bayern Monaco e Borussia Dortmund. I bavaresi, da pochi giorni al lavoro con Guardiola a Riva del Garda, hanno mantenuto tutti i pezzi pregiati (Ribery, Robben, Mandzukic, Neuer, Schweinsteiger, Alaba) e hanno ceduto il solo Mario Gomez, desideroso di più spazio per giocare. Al suo posto è arrivato un altro talento purissimo, quel Mario Gotze pagato 38 milioni dal Borussia Dortmund e nuovo gioiello del calcio tedesco. Lascia la Germania anche Tymoschchuk che si avvicina a casa (è ucraino) andando a giocare nello Zenit di Spalletti.

I gialloneri della Westfalia invece sperano di far dimenticare Gotze ai propri tifosi con due nomi forti: il francese Aubameyang, preso dal Saint Etienne, e l’armeno Mkhitaryan, preso per 25 milioni dallo Shakhtar. Spetterà a Jurgen Klopp assemblarli in una squadra già di per sé micidiale.

Mario-Gomez

In Spagna, il Barcellona, dopo aver piazzato il colpo dell’anno tesserando il fuoriclasse brasiliano Neymar (che coppia da sogno con Messi!), si lancia su David Luiz (il sogno, inarrivabile, è Thiago Silva) per completare una squadra che punta a riprendersi la Champions in qualunque modo. Il Real, fresco di cambio in panchina con Carlo Ancelotti, parte alla conquista della sua decima Coppa dei Campioni prelevando il giovane e talentuosissimo Isco dal Malaga (rivelazione dell’ultima Champions) e il brasiliano Casemiro dal San Paolo, in passato accostato al centrocampo della Roma. Le merengues provano a resistere per Higuain (lo vuole l’Arsenal) ma c’è la sensazione che al Bernabeu arriverà un grande attaccante. L’Atletico Madrid, alle prese con problemi finanziari (si parla di debiti per 100 milioni di euro), ha strappato Villa al Barcellona per soli 5 milioni, pagabili in tre rate (un affare col botto) ma ha dovuto cedere il bomber Radamel Falcao, passato ai neopromossi in Ligue 1 del Monaco.

Edinson Cavani Napoli

Proprio il Monaco è una delle squadre più attive attualmente sul mercato europeo. Ranieri, confermato alla guida del club del Principato, può contare sull’ampia liquidità economica del patron russo che detiene le quote del Monaco: sono arrivati, infatti, oltre a Falcao, i difensori Carvalho (dal Real Madrid) e Abidal (dal Barcellona), i centrocampisti Joao Moutinho e James Rodriguez dal Porto, il mediano francese Toulalan (dal Malaga) e anche un’ex conoscenza del calcio italiano, quel Monachello cresciuto nell’Inter e prelevato dall’Olympia Nicosia. Grandi manovre, per ora solo sulla carta, anche per il PSG. Laurent Blanc è il nuovo allenatore e avrà presto in dote Edinson Cavani. Il dg Leonardo sta pensando anche ad Hernanes e a De Rossi (più al laziale che al romanista) per rinforzare una rosa che, tra i tanti, può vantare gente come Thiago Silva, Verratti, Thiago Motta, Pastore, Menez, Lucas, Lavezzi e Ibrahimovic. Obiettivo dichiarato: la Champions.

Grandi squadre stanno venendo fuori e sicuramente molte di esse (a parte il Monaco) reciteranno un ruolo di primo piano in Europa. Le italiane, soprattutto per un divario economico, sembrano essere molto distanti da questi standard. Al momento solo la Juve può provare, grazie ancora a qualche ritocco, a competere con questi colossi: le altre, purtroppo, partono ancora da dietro. Molto dietro.

Leggi anche–>Giggs diventa allenatore

Leggi anche–>Paulinho, che gol (VIDEO)

Leggi anche–>Isco al Real

Leggi anche–>Il Psg su mezza Europa

Leggi anche–>Blanc nuovo allenatore del PSG