Calciomercato Inter: tutte le trattative per l'attacco

Sono tante le trattative che l’Inter ha sul tavolo per il reparto d’attacco. Stando a quanto si dice sui vari siti di calciomercato, i nerazzurri avrebbero stilato una lista di sette nomi dalla quale, con molta probabilità, uscirà fuori il nome del top player che Mazzarri e i tifosi si aspettano. Il tratto comune a tutte queste indiscrezioni è che chiunque sarà il rinforzo non arriverà prima di Ferragosto: la necessità di dover combinare le esigenze economiche con quelle tecnico-tattiche impone ad Ausilio una scelta oculata e non affrettata, da fare con la sicurezza di chi sa di star facendo la mossa giusta.

Il nome in cima alla lista da settimane, è risaputo, è quello di Stevan Jovetic. Il montenegrino piace sia perché sa dare del tu al pallone ma anche per l’ampia duttilità tattica. Può giocare da seconda punta nel 3-5-2, da esterno nel 4-3-3 e da trequartista nel 3-4-2-1. E’ bravo sia in fase di rifinitura (all’Inter manca un giocatore con queste caratteristiche) sia in fase di realizzazione, come testimoniato dai suoi anni a Firenze. L’infortunio di Negredo col Manchester City non aiuta l’Inter ma qualora i nerazzurri dovessero presentare al club inglese un’offerta per l’acquisto a titolo definitivo la situazione potrebbe cambiare repentinamente e in maniera radicale. Col City, inoltre, l’Inter potrebbe fare un doppio discorso legato anche al possibile interesse per Matija Nastasic, difensore serbo: le trattative non sono collegate, ma potrebbero sicuramente facilitarsi a vicenda.

Stevan Jovetic

Il secondo nome nella lista della spesa dell’Inter per questo calciomercato è Erik Lamela. Molto duttile come Jovetic, Lamela ha dichiarato di voler restare al Tottenham per giocarsi le sue carte a White Hart Lane dopo la deludente stagione appena trascorsa tra tribuna e infermeria per qualche problema fisico di troppo. Con un’adeguata offerta economica agli Spurs, però, la situazione cambierebbe immediatamente: il problema è rappresentato dal fatto che appena un anno fa Lamela fu pagato 30 milioni. L’Inter non può e non vuole avvicinarsi minimamente ad una tale somma per un giocatore giovane dall’enorme potenziale, ma reduce da una stagione che lascia mille dubbi sulla sua tenuta fisica.

lamela

Appena dietro Lamela, l’Inter ha inserito nella sua lista Alessio Cerci. Il torinista, dopo l’ottimo campionato in cui ha collezionato 13 gol e 12 assist (unico calciatore in Serie A ad andare in doppia cifra in entrambe le classifiche), piace molto per la stessa duttilità tattica che offre Jovetic. La Roma, dopo l’acquisto di Iturbe, ha mollato la presa; resta da vincere la concorrenza del Milan che, ad onor del vero, non è così forte. Cairo ha chiesto 20 milioni per il suo gioiello ma ci sono ampi margini di trattativa in questo calciomercato con l’inserimento di contropartite tecniche per abbassare il costo del cartellino. Il passaggio di Benassi al Torino, inoltre, ha creato una corsia preferenziale tra i due club.

Alessio Cerci Torino

Il quarto nome nella lista stilata dall’Inter è quello di Javier Hernandez. Il Chicharito piace più a Thohir che a Mazzarri che sul suo nome avrebbe diverse remore, legate sia alla scarsa duttilità tattica (si tratta di una prima punta molto simile ad Icardi) che ad un’annata in ombra, sia col Manchester United che con la Nazionale messicana, con la quale non è mai stato titolare all’ultimo Mondiale. Lui andrà via dallo United in questa sessione di calciomercato perché Van Gaal ha lasciato intendere di non puntare su di lui ma, ad ora, trattative concrete per lui non ci sono.

hernandez

Una posizione più indietro in questa particolare graduatoria si trova Carlos Bacca. Il colombiano piace per il suo fiuto del gol (49 gol in due anni al Siviglia) ma, oltre ad aver dichiarato di voler rimanere a giocare col club andaluso, il suo nome non entusiasma per due motivi. Il cartellino costa intorno ai 18 milioni e l’Inter potrebbe arrivare a lui soltanto cedendo un pezzo grosso come Icardi, ipotesi che non piace a nessuno alla Pinetina. Bacca, per quanto forte, non permetterebbe però di variare in corso d’opera il modulo tattico come vuole Mazzarri: per questo, il suo nome viene tenuto in scarsa considerazione per questa sessione di calciomercato.

Carlos-Bacca-durante-encuentro-Brujas

Un nome che potrebbe scalare diverse posizioni in questa classifica di obiettivi per l’attacco è quello di Pablo Daniel Osvaldo. L’italo-argentino ha rotto col Southampton non essendosi presentato in ritiro al punto che il suo allenatore Koeman ha dichiarato l’intenzione di cederlo al miglior offerente. In Italia ci sarebbe anche la Sampdoria interessata a lui ma, al momento, nessuno ha intavolato trattative ufficiali col club inglese che, in ogni caso, non ha intenzione di sbarazzarsi dell’ex Roma e Juventus a prezzi di saldo, avendolo pagato 18 milioni appena un anno fa. Nei prossimi giorni si potrà capire con maggior sicurezza se Osvaldo possa essere un effettivo obiettivo di calciomercato nerazzurro.

osvaldo

Non convince il nome di Borini. Giovane e duttile, l’italiano non entusiasma però la società e Mazzarri che vorrebbero un elemento dal rendimento sicuro ed immediato. Borini, intanto, ha rifiutato il Sunderland ed è ancora di proprietà del Liverpool: non dovrebbe rimanere ad Anfield Road ma le offerte in Premier League non gli mancano di certo. Oltre a questi nomi per l’attacco, trattative di calciomercato potrebbero essere imbastite dall’Inter anche per un possibile Mister X, un nome a sorpresa che magari Ausilio sta trattando sotto traccia senza lasciar trapelare nulla. Mazzarri e i tifosi, intanto, non possono far altro che aspettare e sperare in un colpo da novanta!

Leggi anche–> Calciomercato Inter, il top player arriva dopo Ferragosto

Leggi anche–> Inter, si studia la strategia per Jovetic

Leggi anche–> Lamela: “Inter? Resto al Tottenham”

Leggi anche–> Calciomercato, lotta tra Inter e Milan per Cerci

Leggi anche–> Calciomercato Inter, Botta contropartita per Cerci?

Leggi anche–> Bacca-Inter: ecco perché si può

Leggi anche–> Bacca: “Inter? Resto al Siviglia e divento Pichichi”

Leggi anche–> Koeman avvicina Osvaldo all’Inter: “Lo cediamo”