Calciomercato Milan 2014: nessun acquisto, si aspettano le cessioni

Il Milan è evidente che non ha più quel potere economico che fino a qualche anno fa lo rendeva uno dei massimi club a livello mondiale anche come forza finanziaria: ad oggi i rossoneri si trovano costretti ad adottare una politica degna di azienda dell’era post “Spending Review”, ossia senza prima cedere non può acquistare nessun calciatore.

Mai come in questa sessione però, sono pochi i calciatori rossoneri ad essere richiesti: dopo aver blindato El Shaarawy, ora i pezzi da novanta da piazzare sono Robinho e Boateng: per il primo si aspetta un colloquio col Santos per velocizzare il suo ritorno in Brasile sperando di conquistarsi un posto con la Nazionale per i prossimi Mondiali, mentre per il secondo si registrano poche offerte, visto lo scetticismo legato anche al suo ruolo e alla sua continuità.

kevin-boateng

Oltre a questi elementi in difesa c’è ancora da sistemare Taiwo e Didac Vilà, due elementi che non sono mai rientrati nei progetti rossoneri: senza cedere qualche elemento non può arrivare nessuno, questo è chiaro. Le uniche partenze al momento sono state quelle di alcuni calciatori in scadenza, come Yepes, Flamini ed Ambrosini, questi ultimi due che con ogni probabilità verranno sostituiti dal rientrante De Jong e dal centrocampista Poli che è ad un passo dal Milan.

Nessun nome certo in entrata aspettando di capire su quale budget contare e soprattutto in quale modo poter contrastare la Juventus che dopo i colpi Tevez e Llorente appare sempre più inarrivabile sul piano tecnico.

Leggi anche -> Calciomercato Milan: in arrivo Sansone (Parma)?

Leggi anche -> Calciomercato Milan: è fatta per Poli!