Voglio aspettare ancora che scriviate altre storie su di me in modo che io possa divertirmi a leggerle, perché voglio vedere chi si inventerà la storia migliore. Quando mi sarò stufato, vi permetterò di sapere dove giocherò l’anno prossimo“, è questa la risposta ironica che Zlatan Ibrahimovic ha dato a chi, interpellandolo dal ritiro della nazionale svedese, gli chiedeva notizie sul suo futuro.

È oramai più di un anno che si parla tanto delle possibili destinazioni di Ibra: infatti, già mentre Berlusconi trattava con Mr. Bee e si iniziava a fantasticare sui calciatori che i soldi asiatici avrebbero potuto portare in rossonero, il nome del fenomeno svedese era quello che compariva più spesso tra gli obiettivi di mercato rossoneri.

Le pretese economiche molto poco modeste che l’oramai trentacinquenne Ibrahimovic avanza non sono certamente un fattore positivo per un eventuale ritorno al Milan, ma fonti vicine al giocatore riferiscono di uno Zlatan non più a caccia di contratti milionari ma più intenzionato a dare stabilità alla sua famiglia. Staremo a vedere come si concluderà la telenovela.