Calciomercato Milan, Berlusconi pronto a convincere Kakà a restare

Ricardo Kakà è uno dei giocatori che potrebbe lasciare a fine stagione il Milan di Seedorf. Il mancato approdo in Champions League, infatti, svincola il brasiliano dai rossoneri per via della presenza di una clausola nel contratto firmato a inizio stagione con il Milan che libera Kakà da qualsiasi vincolo nel caso in cui la squadra restasse fuori dai posti Champions. Data l’attuale situazione dei rossoneri tale competizione europea è impossibile da raggiungere, ma gli ultimi risultati fanno ben sperare Seedorf e il suo Milan: bocciata la Champions, l’Europa League è ancora raggiungibile.

La situazione cambia per il Milan, ma non cambia per Kakà che comunque a fine stagione può abbandonare i rossoneri e iniziare una nuova avventura. A scegliere del suo futuro sarà solamente il giocatore che entro il 30 giugno, termine ultimo per far valere la clausola, dovrà dare una risposta al Club di via Rossi e ai Club pretendenti tra cui l‘Orlando City, uscito allo scoperto nei giorni scorsi. In attesa che Kakà prenda la sua decisione il presidente Silvio Berlusconi ha espresso la volontà di parlare col numero 22 rossonero per convincerlo a restare, puntando probabilmente sul buon andamento della squadra in questo momento e sul possibile approdo in Europa League.

Le sirene statunitensi però hanno sempre il loro fascino, Kakà non ha negato di voler, in futuro, provare l’esperienza USA e questa potrebbe essere l’occasione giusta. In ogni caso questi nodi si potranno sciogliere solo a stagione finita, quando il brasiliano dopo aver valutato bene le sue alternative (Milan, quindi Serie A, o Major League Soccer) comunicherà la sua decisione definitiva. Ai tifosi non resta che attendere e sperare che il legame con quei colori sia più forte di qualsiasi altra cosa.

Leggi anche-> Il Milan non cede El Shaarawy

Leggi anche-> Barbara Berlusconi risponde a Lim: “Per il milan serve un miliardo”

Leggi anche-> Catania, battere il Milan per puntare la salvezza