Calciomercato Milan, Thiago Silva ritorna in rossonero?

Il brasiliano avrebbe espresso il desiderio di tornare a vestire la maglia rossonera, ma resta il problema dell'ingaggio

Thiago Silva e il Milan hanno vissuto una splendida storia d’amore, alcune indiscrezioni di calciomercato, parlano di un suo possibile ritorno in rossonero. “Certi amori non finiscono” cantava Venditti e secondo alcune fonti quello del brasiliano per i rossoneri non è mai finito. Anche le storie più belle però non è detto che possano ricominciare ed in questo caso tra il diavolo e il difensore resta uno scoglio difficile da eliminare. Lo scoglio in questo caso sono ben 12 milioni di euro, l’ingaggio di Thiago Silva al Psg.

Thiago Silva e il possibile ritorno al Milan

Thiago Silva avrebbe espresso personalmente il suo desiderio di voler rientrare al Milan, squadra che ha sempre considerato la sua casa. Al momento il difensore ha 33 anni e un contratto che lo lega al Psg fino al 2020. A Milanello certo sarebbe accolto a braccia aperte e i tifosi sarebbero più che contenti di rivedere la “grandine nera” rivestire la maglia del diavolo. Impossibile però per il Milan sostenere un ingaggio simile. Il club parigino sarebbe anche disposto a cedere il giocatore, considerando l’età e la volontà della società di puntare su difensori più giovani. Thiago Silva, insomma, è cedibile ma di certo non gratis e il club meneghino non è certo in grado di sostenere una spesa come quella che richiederebbe l’acquisto del difensore brasiliano.

Il problema dell’ingaggio

Appurato che il Milan non potrebbe sostenere un ingaggio superiore del doppio del già impegnativo ingaggio di Giggio Donnarumma,l’unica soluzione potrebbe arrivare dal giocatore. Se Thiago Silva fosse disposto a ridursi, e non di poco, il mastodontico stipendio che percepisce a Parigi forse la trattativa potrebbe non rimanere un sogno. In fondo, quando si parla di amore, si dovrebbe essere disposti a tutto. Visione forse un po’ romantica per questo calcio moderno, ma sperare è sempre lecito e i tifosi milanisti sono stati abituati a tanti ritorni di fiamma.