Calciomercato Torino: dalla Roma torna Bruno Peres

Il difensore brasiliano torna sotto la Mole dopo due anni trascorsi nella Capitale.

Era l’estate 2016 quando Bruno Peres lasciava il Torino, la squadra che l’aveva lanciato in Italia, e si trasferiva alla Roma. Con la maglia giallorossa 41 presenze e due reti. Fortemente voluto da Sabatini era costato ben 13,5 milioni più bonus. Il difensore brasiliano, dopo due anni, tornerà a vestire la maglia granata. L’operazione è stata definita ieri sera a Milano tra le due società. Prestito di un milione, con diritto di riscatto a 8 milioni per il club granata e opzione di riacquisto a favore della Roma.

Arrivò dal Santos nel 2014

Il Torino l’aveva acquistato nel 2014 dal Santos ed immediatamente era riuscito a farsi apprezzare dal pubblico granata. Memorabile resta il goal nel derby del 30 novembre 2014 e le sue prestazione esaltanti per dribbling, fantasia e corsa che lo portarono poi alla Roma dove forse si sarebbe aspettato quel salto di qualità che non è arrivato.

Ferrari alternativa a Juan Jesus

Il Torino è ancora alla ricerca di un difensore. Juan Jesus al momento resta un sogno, infatti, l’offerta presentata dai granata è stata rifiutata dal club giallorosso. Inoltre, il difensore della Roma ha fatto sapere di voler restare per giocare la Champions League. Il d.s. Petrachi avrebbe comunque già pronta l’alternativa che potrebbe essere Ferrari che piace sin dai tempi del Crotone. Tra 15 giorni scadrà il diritto di riscatto a favore della Sampdoria e il Torino è già pronto per lanciare un’offerta al Sassuolo, che detiene il cartellino del giocatore. Intanto, Petrachi sta cercando di piazzare il colpo finale per portare Verissimo sotto la Mole.

Balotelli: Torino è una bella città

Mario Balotelli in un’intervista ha fatto sapere di gradire la città di Torino. Il club granata può quindi sognare in grande. L’ostacolo più grande che separa l’attaccante del Nizza dal Torino è l’alto ingaggio che percepisce e che non vorrebbe ridursi. 5 milioni di euro a stagione, ingaggio certamente fuori portata per la società di Urbano Cairo.