Calciopoli, la sentenza del processo d’appello a breve

Si chiude oggi Calciopoli, il processo d’appello sullo scandalo che travolse il calcio nel 2006 a carico di arbitri e dirigenti del calcio italiano accusati di aver truccato il campionato 2004-2005. Durante la mattinata al tribunale di Napoli gli avvocati di Luciano Moggi, ex dg della Juventus e principale imputato del processo hanno pronunciato la loro arringa con la quale hanno chiesta la completa assoluzione del loro assistito in quanto tutte le accuse contro di lui sono state inventate perché “Luciano Moggi non ha mai costituito un’associazione a delinquere per la Juventus“.

 tribunale di Napoli

Per gli avvocati di Moggi il loro assistito voleva solo difendere la sua squadra dallo spionaggio industriale di due grandi società come Inter e Milan motivo per il quale furono comprate anche le famose schede telefoniche. Esse infatti, sempre secondo i legali di  Moggi, furono utilizzate per sfuggire allo spionaggio dei clubs concorrenti come lo si può evincere dal fatto che nelle 171 mila telefonate intercettate in nessuna di parla di mercato. Terminato l’intervento dei legali dell’ex dirigente juventino  i giudici si sono ritirati in camera di consiglio. La sentenza dovrebbe nelle prossime ore.

Leggi anche -> Calcioscommesse, indagati Gattuso e Brocchi

Leggi anche -> CalcioScommesse, Gattuso: “Vado a chiarire tutto”