Calciopoli, Moggi assolto: non ha diffamato Facchetti

Luciano Moggi viene assolto: il dirigente bianconero, in carica alla Juve dal 1994 al 2006, non ha diffamato l’ex presidente dell’Inter Giacinto Facchetti, morto nel 2006. E’ questa la notizia che è trapelata questa mattinata, con il verdetto del Tribunale di Milano che si stava occupando del caso tra lo juventino e l’interista. Moggi è stato assolto dall’accusa di aver diffamato in una trasmissione tv l’ex terzino dell’Inter e presidente della stessa società nerazzurra, scomparso nel 2006. La frase in questione era rivolta ad Javier Zanetti nel corso della trasmissione Rai ‘Notti Magiche’: “Ci sono telefonate del tuo ex presidente Giacinto Facchetti che riguardano le griglie e la richiesta ad un arbitro (Bertini, ndr) di vincere la partita di Coppa Italia con il Cagliari; le telefonate intercettate di Facchetti, le telefonate di Moratti e la telefonata di imbarazzo di Bertini, i pedinamenti, le intercettazioni illegali e anche i passaporti falsi e quindi stai zitto”.

La richiesta era di 10mila euro di multa per l’ex dirigente bianconero, ma l’accusa di diffamazione riconosce che il processo di Calciopoli fu monco per il famoso problema delle telefonate mancanti. Moggi-Facchetti: assoluzione a Lucianone.

Leggi anche –> Sentenza Calciopoli: Moggi Prosciolto

Leggi anche –> Moggi contro Moratti su Twitter