Calcioscommesse Cremona, Ilievski patteggia la pena

VOTA QUESTA NOTIZIA

Continua l’inchiesta relativa al calcioscommesse a cura della Procura di Cremona. E’ notizia di oggi, infatti, il patteggiamento della pena di un anno e dieci mesi da parte di Hristiyan Ilievski. Quest’ultimo, macedone, è considerato a tutti gli effetti il capo del gruppo organizzato noto come “zingari“. Roberto Di Martino (procuratore di Cremona) ha ritenuto giusto considerare la collaborazione fornita da Ilievski: dopo ben quattro anni di latitanza, si era costituito lo scorso aprile.

La sua testimonianza è stata fondamentale fin da subito per il prosieguo delle operazioni, dal momento che il macedone ha reso noti i nomi di numerose persone coinvolte. In virtù di quanto indicato, la sua pena è stata momentaneamente sospesa. I ventidue mesi patteggiati sono giustificati da una partita contestatagli, la quale non era compresa nell’originario capo di imputazione. Si tratta di Bari-Livorno, incontro di Coppa Italia andato in scena il primo dicembre 2010. Per quella combine, Ilievski sostiene di aver dato 70mila euro al portiere del Livorno, Alfonso De LuciaGiorgio Buffone, ex direttore sportivo del Ravenna, ha dal canto suo patteggiato ad un anno e due mesi.

Leggi anche: