Carpi-Roma, Spalletti: “Non pensiamo al Real Madrid”

CarpiRoma è il secondo anticipo della 25° giornata di Serie A e andrà in scena domani sera alle ore 20.45. Alla vigilia di questa sfida, Luciano Spalletti vuole mantenere alta la concentrazione e non vuole che la squadra pensi all’imminente match col Real Madrid di mercoledì prossimo: “Se si pensa alla partita successiva e non a questa, si sbaglia tutto – dice Spalletti in conferenza stampa -. La gara di domani è fondamentale, dobbiamo fare dei filotti di vittorie come Juve e Napoli”. Verrà fatto turnover in vista del Real Madrid? “Avendo recuperato diversi giocatori, qualche ragionamento si fa. Ma la partita fondamentale è domani. I giocatori li scelgo in funzione del match di domani”.

Quella contro il Carpi è una sfida fondamentale anche perché nel weekend si affrontano Inter e Fiorentina quindi la Roma può sfruttare questa occasione: “Le occasioni sono ogni volta che si va in campo. Se si pensa alla partita successiva e non a questa, si sbaglia tutto. Se vogliamo competere con le grandi, dobbiamo pensare a fare dei filotti di vittorie come hanno fatto Juve e Napoli. Dobbiamo farci trovare pronti nella situazione che viviamo. Se si pensa al Real tralasciando domani non si è capito nulla. La gara di domani è fondamentale”, replica Spalletti.

Andando alla formazione anti Carpi, Dzeko è pronto? “Dzeko domani gioca”, risponde secco Spalletti, al quale poi viene chiesto come stanno Torosidis, Rudiger, De Rossi e Totti: “Torosidis sta migliorando ma ancora non fa parte del gruppo. De Rossi è ancora fermo, ma lo staff è convinto di avere la soluzione. Spero di averlo a disposizione dopo la gara col Carpi. Francesco ieri ha avuto un problemino e oggi non si è allenato, quindi non sarà in trasferta. Rudiger sta bene”. Tornando all’attacco, Dzeko, El Shaarawy, Perotti, Salah e Pjanic possono coesistere? “Possono coesistere perché hanno qualità un po’ diverse. L’equilibrio bisogna ritrovarlo facendo attenzione a certi atteggiamenti oppure con gli altri che siano disponibili a correre per loro”, risponde il tecnico della Roma.

La notizia di oggi, in casa Roma, è l’addio di Sabatini a fine stagione. Ecco cosa ne pensa Spalletti: “Ho parlato con Sabatini e lui mi ha detto che è un’ipotesi, perché ha un ruolo importante dentro la Roma e quindi ha delle responsabilità importanti. Lui si prende le sue responsabilità, o si fanno i risultati oppure tutti abbiamo fallito”. Una delle insidie più grandi per la Roma può essere il calo mentale? “La prima insidia è l’allenatore, che sa trasferire alla squadra dei concetti. Loro sono bravissimi a ripartire e lo fanno come nessuno in questo campionato. Noi ci siamo preparati, li abbiamo guardati e rimane ugualmente un’insidia. Stanno passando un buon momento e lo hanno dimostrato contro squadre di livello come Napoli e Fiorentina”.

TUTTO SULLA ROMA