Casa Milan, dal 28 maggio 2015 la Gallery d'Arte Contemporanea

Da oggi c’è un nuovo motivo per avventurarsi in pellegrinaggio verso La Mecca rossonera, situata a Milano in via Aldo Rossi 8, nel quartiere del Portello. Nel complesso di Casa Milan, sede e museo dell’Associazione Calcio Milan dal 2013, verrà aggiunta a partire dal 28 maggio Casa Milan Gallery, la prima galleria permanente d’arte all’interno di una sede di un club calcistico.

Si tratterà, almeno per il primo periodo, di una mostra delle opere di arte contemporanea prodotte da “No Curves”, esponente della “street art”  o “arte urbana”. Quella di No Curves sembrerebbe un’arte di ispirazione intuitista per la fusione delle arti (ma non solo) presente nei suoi lavori e per l’originalità dei materiali che usa: crea, col nastro adesivo, opere connotate da tagli geometrici e linee spezzate, senza utilizzare elementi curvilinei. Con la sua tecnica innovativa ha realizzato per Casa Milan Gallery capolavori dedicati ai campioni rossoneri del passato e del presente, cercando di far convivere arte cinetica, arte costruttivista e futurismo. Ma la convivenza più spettacolare è indubbiamente quella tra calcio e cultura, due entità considerate agli antipodi: e quando la seconda viene incontro al primo, Casa Milan spalanca le porte. Alla faccia di chi non la credeva possibile.

Casa Milan  è stata fortemente voluta dal vicepresidente Barbara Berlusconi in sostituzione della vecchia e più piccola sede di via Turati. Via Aldo Rossi 8 si presta così alla megalomania, in accezione positiva, del Diavolo: 3000 metri quadri d’area calpestabile e ben 6 piani di edificio. Tanti i milioni spesi. Basti pensare, a titolo di cronaca, che l’allestimento è costato 10 milioni di euro, più o meno il valore di Keisuke Honda e Riccardo Montolivo, mentre l’affitto annuo ne costa 2, poco meno dello stipendio di El Shaarawy, poco più di quello di Abate.

L’interno di Casa Milan è così il Disneyland del tifoso rossonero: c’è la sala dedicata ai trofei e quella con i filmati delle varie stagioni; vi sono poi le maglie di Paolo Maldini del 1984/85, di Marco Van Basten del 1991/92 e di Franco Baresi del 1997, ma anche tantissime altre. Non mancano alla collezione nemmeno gli occhiali da sole di Arrigo Sacchi e la famosa cravatta gialla indossata da Galliani durante la finale di Champions League del 2007. Roba da pazzi insomma.
Arte, cultura, sport, ricordi, tanti sorrisi. Benvenuti a Casa Milan.

COME RAGGIUNGERE CASA MILAN

CASA MILAN: ORARI D’APERTURA AL PUBBLICO