Catania-Fidelis Andria 0-0, Rigoli: “Non mi sento a rischio esonero”

Mister Rigoli, al termine di Catania-Fidelis Andria 0-0, ha esaminato in conferenza stampa la prestazione dei rossazzurri: “C’è stato un passo indietro rispetto alle partite precedenti, ma non mi sento a rischio esonero”

Il “Massimino” questa volta non è servito a trascinare il Catania verso la vittoria. Nel match della 21a giornata, i rossazzurri sono stati fermati dalla Fidelis Andria e a deludere mister Rigoli è stato non solo il risultato, ma anche la prestazione. Rispetto le precedenti partite disputate in casa gli etnei hanno fatto un passo indietro e il tecnico non ne fa mistero: “Per il risultato sì, abbiamo fatto un passo indietro. Nelle altre partite forse abbiamo fatto qualcosina in più anche sul piano del gioco, ma forse anche per via degli avversari “.

Catania-Fidelis Andria era una partita che i rossazzurri potevano vincere: “Abbiamo perso pure delle partite nei risultati finali. Non è detto che mettendo più attaccanti, si vinca la partita. Abbiamo cercato di mantenere sempre l’equilibrio, abbiamo creato tanto e il secondo tempo l’abbiamo giocato tutto nella metà campo avversaria. Ritengo che meritavamo qualcosina in più rispetto a quanto siamo riusciti a produrre”.

Non c’è alcun problema centravanti. Le scelte fatte da mister Rigoli nel corso di queste 21 giornate sono state condizionate anche dalle indisponibilità dei giocatori: “Abbiamo attaccanti che hanno delle caratteristiche. C’è stato un periodo in cui ha giocato Paolucci, un altro con Anastasi che poi ha avuto dei problemi e si è dovuto fermare. Stesso discorso per Barsic che ha fatto delle buone partite. La scelta del centravanti non è derivata solamente dalla volontà di cambiare, ma anche da altre motivazioni”.

Gli ultimi risultati non preoccupano mister Rigoli che non si sente a rischio esonero e precisa: “Non mi sento assolutamente a rischio, ma in ogni caso sotto questo aspetto quello che penso io non conta. La domanda va fatta alla società, non a me. Nei primi 10 minuti abbiamo avuto 3 palle gol, nel secondo tempo abbiamo giocato a una porta e sbagliato un rigore”. Glissa sul calciomercato: “In questo momento ci siamo concentrati sulla partita e su nient’altro. Il calciomercato compete alla società, il confronto c’è”.