Catania-Paganese 2-1, Rigoli: “Vittoria importantissima”

Le dichiarazioni di mister Rigoli a conclusione di Catania-Paganese 2-1: “Vittoria fondamentale, ora testa a Messina”.

Due vittorie di fila per la prima volta in questa stagione, Catania-Paganese 2-1 regala una doppia gioia agli etnei e mister Rigoli, in conferenza stampa, ne sottolinea l’importanza: “Mi auguro possa essere un punto di svolta. Non era facile vincere questa partita per tanti fattori, per la qualità della Paganese e perché loro cambiano pelle prima e durante la gara. Fare una doppietta in casa non è semplice, mi auguro possa essere utile sia per l’ambiente e per tutti. Sono vittorie fondamentali perché ci danno maggiore consapevolezza nelle nostre possibilità”.

Il tecnico del Catania esamina quindi l’azione del gol della Paganese, ma tesse anche i meriti della propria squadra capace di reagire immediatamente e di ribaltare poi il risultato: “Abbiamo preso gol nel nostro momento migliore: Drausio ha fatto un’uscita ed è tardato a rientrare e Reginaldo è stato bravo a sfruttare questo momento. Loro sono stati bravi a portarsi in vantaggio, noi – prosegue mister Rigoli lo siamo stati a reagire subito e a ribaltare il risultato portandoci sul 2-1, potevamo anche fare qualcosa in più in avanti e possibilmente chiudere la partita firmando il 3-1”.

Merito non solo dei singoli, ma dell’intera squadra: “Tutta la squadra ha giocato con grande spirito di sacrificio, soprattutto nel secondo tempo dove ho rivisto lo stesso atteggiamento avuto con il Lecce”. Il Catania riparte quindi da questa vittoria, Rigoli frena gli entusiasmi e si proietta verso Messina: “Dobbiamo continuare a lavorare, ci sono ancora delle cose da migliorare. Con la vittoria di oggi non abbiamo risolto nulla. Dobbiamo fare sacrifici per cercare di migliorarci domenica dopo domenica. La partita di Messina è importante perché vogliamo passare il turno e passare il turno in Coppa Italia. Abbiamo l’obbligo di fare il massimo per vincerla. Domani valuteremo le condizioni fisiche di tutti”.

 

Leggi anche: