Cerci al Milan, i rossoneri devono alzare l’offerta

La telenevola Cerci proseguirà ancora per qualche giorno, se non fino all’ultimo giorno di mercato. Sembrava che la cessione praticamente fatta di Balotelli al Liverpool potesse sbloccare questa trattativa, ma fino ad ora non è stato così, poiché il Milan non ha alzato l’offerta quanto necessario per soddisfare le richieste economiche del presidente del Torino Urbano Cairo.

Secondo quanto riportato dall’edizione odierna del quotidiano “La Stampa“, il Milan avrebbe offerto 13 milioni più il cartellino di Antonio Nocerino, o in alternativa quello di Saponara. Il Torino però ha espresso il gradimento su altro calciatore rossonero: M’Baye Niang. Potrebbe essere quindi il giovane francese la chiave di volta per sbloccare la trattativa. Ricordiamo però che durante la lunga trattativa sono emersi anche altri nomi, tra cui quello di Simone Verdi, per cui Galliani sarebbe disposto ad offrire la metà, e Bryan Cristante, giovane centrocampista rossonero che sarebbe gradito al Torino ma sui cui Pippo Inzaghi vorrebbe contare.

La pista dell’Atletico Madrid sembra invece in ribasso in queste ore, anche se la loro proposta economica ( sui 15 milioni di euro circa) si avvicina di più ai desideri di Urbano Cairo. In ogni caso nella giornata di domani è previsto un nuovo incontro tra Cairo e Galliani, che potrebbe essere decisivo in un senso o nell’altro.

Leggi anche: