Cerci, Milan e l'ostacolo Inter: l'Atletico denuncia Mancini?

Alessio Cerci al Milan, doveva essere il primo affare concluso dai rossoneri nel mercato di gennaio e invece è tutto in bilico per via di quell’Inter decisa a portare in nerazzurro l’ex Torino nonostante l’accordo raggiunto tra i cugini del Milan e l’Atletico Madrid. L’Inter era stata la prima società delle milanesi a contattate Cerci che, grazie anche alla mediazione di mister Mancini, aveva dato il proprio consenso. Consenso che l’Atletico non ha tenuto in considerazione quando il Milan, sulle tracce di Cerci dalla scorsa estate, ha avanzato la sua offerta ai Colchoneros mettendo nel piatto Fernando Torres.

Scambio accettato da tutti, tranne che dal giocatore ex Torino e dall’Inter. Il primo, data la disponibilità a Mancini, non vuol venir meno alla sua parola e, sebbene sia lusingato dall’interesse dei rossoneri, non sembra voler sentire ragioni; l’Inter vista tale indecisione ha continuato a insistere su Cerci trovando però il muro dell’Atletico Madrid che non vuole far saltare l’operazione di mercato con il Milan.

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, dunque, i Colchoneros, oltre ad aver posto Cerci davanti a una scelta quasi obbligata (o il Milan o la panchina a Madrid) sembrano intenzionati a procedere contro Mancini. Il tecnico dell’Inter, infatti, ha allacciato dei rapporti con Cerci senza consultare l’Atletico venendo meno alla propria parola data: la società di Thohir aveva infatti garantito agli spagnoli di procedere nella trattativa con Cerci solo nel caso in cui il Milan si fosse tirato indietro. Così non è stato, l’Inter e Mancini hanno continuato a trattare con il giocatore e adesso, vista anche la situazione creatasi, l’Atletico Madrid sta pensando di denunciare l’allenatore nerazzurro alla Fifa. La matassa Cerci è ancora molto intricata, riusciranno il Milan e l’Atletico a scioglierla?

Leggi anche: