Cerci-Milan: l'offerta dei rossoneri non soddisfa Cairo

In casa Milan si continua a lavorare alla ricerca dell’esterno d’attacco tanto richiesto da Pippo Inzaghi. L’obiettivo numero uno rimane Alessio Cerci, ma Cairo non fa sconti e la trattativa per portare il giocatore in rossonero è tutt’altro che semplice.

Dopo il summit che c’è stato ad Arcore tra Berlusconi, Galliani ed Inzaghi, sono stati stilati gli obiettivi su cui lavorare in questa ultima parte di calciomercato. Il tema principale del vertice è stato, ovviamente, l’esterno offensivo e il nome caldo è sempre quello di Cerci. Il presidente del Diavolo però non è disposto a spendere i 20 milioni richiesti dai granata e ha formulato un’offerta di 10 milioni più l’intero cartellino di Nocerino. La risposta del Torino è stata negativa: o contanti oppure non se ne fa niente. Il Milan intanto si guarda attorno in cerca di alternative: Ezequiel Lavezzi e Douglas Costa sono i nomi più gettonati, ma anche in questo caso il valore del cartellino di entrambi i giocatori è fuori dalla portata dei 7 volte campioni d’Europa.

Nella trattativa per il granata intanto, rimane sempre in vantaggio l’Atletico Madrid che ha offerto 16 milioni, cifra che si avvicina di parecchio alle richieste del Torino. Un ostacolo in più per i rossoneri nella corsa ad Alessio Cerci.

Leggi anche: