Ha parlato a Radio Radio, Silvio Berlusconi, presidente del Milan, della probabile cessione del suo club rossonero alla cordata cinese con cui si è firmata l’esclusiva fino al 15 giugno. Ecco le sue dichiarazioni in merito alla trattativa con i cinesi e alla cessione del 70% delle quote societarie maggioritarie, inoltre ha anche parlato della crisi societaria.

Ecco quanto riportato da milannews.it, delle parole di Silvio Berlusconi:

“Cosa non ha funzionato di recente? Non credo sia solo colpa degli allenatori, negli ultimi 4 anni io ho perso molta serenità perché sono stato attaccato in maniera durissima da una serie di processi. Parliamo di 73 processi e ho passato interi pomeriggi con i miei avvocati per le oltre tremila udienze. Certamente negli ultimi tempi non sono potuto stare vicino al Milan, forse è mancato lo stimolo del rapporto diretto che sapevo instaurare con i calciatori. Oggi il Milan che è andato in campo mi ha fatto soffrire perché ero sicuro che potesse dare molto di più. Nell’ultima partita contro la Juve i giocatori hanno capito che importanza aveva e si è visto. Abbiamo una rosa capace di fare molto di più di quanto è stato fatto. Credo che ci sia stata da parte mia la mancanza della possibilità di stare vicino alla squadra. Io grazie al Milan sono il presidente di club che ha vinto di più nella storia del calcio”.