Cessione Milan, Berlusconi: “È giunto il momento di lasciare”

Scorrono i titoli di coda sul Milan targato Silvio Berlusconi. A sentire le ultime dichiarazioni del presidente rossonero, la cessione del club è dietro l’angolo.

“Dopo 30 anni è arrivato per me il momento di passare la mano”. Sono queste le dichiarazioni rilasciate da Silvio Berlusconi che aprono la via alla cessione del Milan. Nel corso degli ultimi giorni, il numero uno dei rossoneri ha più volte espresso il proprio pensiero al riguardo, ammettendo, seppur a malincuore, di dover lasciare il club di via Rossi per garantirgli un futuro migliore. Gli acquirenti dovranno possedere un importante requisito: “Voglio lasciare il Milan a chi saprà renderlo protagonista in Italia e nel mondo, a chi si impegna a mettere soldi ogni anno nella squadra”.

Berlusconi si sofferma a parlare anche del caso Totti (“Dopo gli exploit degli ultimi match è giusto che la società gli dia la possibilità di un’altra stagione, mi sembra una cosa giusta tenerlo poi come dirigente della Roma”) e sul mercato che, rispetto ha qualche anno fa, è cambiato notevolmente perché: “Con l’arrivo dei soldi del petrolio se si pensa a quello che viene valutato come un top player sembra di essere dentro un Monopoli, i soldi – prosegue Berlusconi nell’intervista a Tele Radio Più – hanno un valore diverso rispetto alla normalità e sentire le richieste che vengono fatte per questo o quel giocatore fa stranire”.

Leggi anche: