Mentre il termine per la cessione del Milan slitta nuovamente e sembra che le trattative dovranno andare di pari passo con la riabilitazione dell’ex premier, Berlusconi pare essersi convinto per un si definitivo.

Le condizioni di salute di Silvio Berlusconi migliorano sempre di più e sembra che sia anche di buon umore. L’arrivo delle garanzie cinesi, consistenti in un piano pluriennale di investimenti e una nuova governance societaria, hanno fatto abbassare le difese del presidente dei diavoli, che ora sarebbe propenso a dare la sua conferma alla cessione.

Le trattative però sono condizionate dalla salute di Berlusconi , che in questi giorni sta iniziando gli esercizi per la riabilitazione motoria e respiratoria dopo l’operazione subita al cuore. La scadenza quindi è slittata dal 30 giugno fino ala prima metà di luglio, poco dopo cioè alla dimissione del presidente. Dopo di che si potrebbe concludere il tutto entro fine agosto.

Uno dei punti più importanti da discutere è la nomina del nuovo allenatore: i candidati sono Brocchi, Frank de Boer e Giampaolo.

LEGGI ANCHE: