Le parole di Bucchioni riportate da milannews.it, sulla cessione del Milan e sulla cordata cinese, sono molto chiare: il sì del presidente Silvio Berlusconi potrebbe non bastare per andare avanti nella trattativa.

Ecco le parole riportate da milannews.it, e scritte da Bucchioni per TuttoMercatoWeb.it:

“Berlusconi sta cercando di sacrificare se stesso, cioè il suo amore, per salvare il Milan, ma la cessione ai cinesi (dead line il 15 giugno) si complica. Trattare con una cordata è complesso e i cinesi sono pignolissimi e rigidissimi, sui conti e sulle clausole. Non è bastato il sì di Berlusconi alla vendita del pacchetto di maggioranza, troppe altre cose non tornano. Nel frattempo c’è da scegliere l’allenatore. I cinesi vorrebbero un nome forte (Emery o Pellegrini) che costa, Berlusconi invece punterebbe su un profilo italiano più basso (Giampaolo? Brocchi?) e meno costoso. Se i cinesi non diranno sì alla svelta come finirà? C’è chi ha suggerito Garcia. Vedremo. “