Sembrerebbe finalmente chiarita la composizione della cordata cinese coinvolta nella cessione del Milan. Eppure, almeno da quanto emerso nel corso del vertice ad Arcore di ieri pomeriggio, secondo il Corriere della Sera.

Un vertice proficuo dove la famiglia Berlusconi e gli investitori attuali del Milan, la Fininvest, hanno incontrato quello che potrebbe essere il futuro amministratore delegato del Milan, in caso di cessione alla cordata cinese, Gancikoff, braccio destro di Sal Galatioto.

Un vertice che ha messo in luce anche la composizione della cordata cinese, che è appunto composta da investitori seri, che hanno convinto l’attuale presidente del Milan a lasciare il suo benestare al proseguimento delle trattative.

Un’altra cosa che si è messa in luce è l’assenza nella cordata cinese di una presenza data per scontata fino a poche settimane fa: il magnate Jack Ma, infatti, non fa parte della cordata cinese. Viene quindi smentito uno dei nomi più probabili che avrebbero potuto investire nel Milan.