Si allungano i tempi per la cessione del Milan. Ora sembra anche difficile che la firma possa avvenire entro fine Giugno.

Prosegue la trattativa per la cessione del Milan da parte della cordata cinese e dei manager Fininvest. La svolta era inizialmente fissata per il 20 giugno, ma ora la deadline è stata spostata al 30 giugno a causa di motivazioni che coinvolgono ambo le parti.

I cinesi avrebbero chiesto più tempo per elaborare un dossier da esporre al Presidente Berlusconi e per ultimare l’operazione finanziaria dall’Asia, il ramo nostrano invece si trova impegnato nelle vicende personali del Presidente uscente che nella prossima settimana sarà operato al San Raffaele.

berlusconi-cinesi-milan

Domani sbarcherà a Milano Sal Galatioto, l’advisor italoamericano dei 7-8 investitori che compongono il consorzio, che ha in programma un incontro con i manager della Fininvest, la holding della famiglia Berlusconi. Così Galatioto e l’altro advisor dei cinesi, Nicholas Gancikoff, domani incontreranno l’ad Pasquale Cannatelli, il dg Danilo Pellegrino e il direttore Business Development Alessandro Franzosi.

Il vertice, molto probabilmente negli uffici di Fininvest, servirà ad accelerare il lavoro sui dettagli tecnico legali per la stesura finale del contratto di compravendita

Secondo quanto riportato da Tuttosport, anche in caso di cessione, l’amministratore delegato rimarrebbe lo stesso Adriano Galliani.

LEGGI ANCHE:

Milan, Panchina: Brocchi e Giampaolo i favoriti?

Calciomercato Milan, Demichelis in difesa?