Non si fermano le voci sulla cessione del Milan alla cordata cinese: dopo “La Repubblica” anche “Il Giornale” parla di questa trattativa in corso di svolgimento in uno studio legale romano tra Fininvest e il gruppo di investitori di Pechino, guidato da Robin Li, ovvero il sesto uomo più ricco della Repubblica Popolare Cinese.

Questa cordata è rappresentata da un advisor italo-americano, la Galatioto Sports Group, capeggiata da Sal Galatioto. Prima di fare la loro proposta definitiva, però, i cinesi hanno voluto avere tutte le notizie necessarie sulla solidità finanziaria della società A.C. Milan.

Le informazioni sono state più che soddisfacenti, così la cordata ha presentato la propria offerta: il gruppo di Pechino valuta infatti il Milan 700 milioni e li pagano subito, rilevando all’inizio il 70% delle azioni e lasciando l’altro 30% a Berlusconi fino a dicembre.

Come già detto in un nostro precedente articolo, Berlusconi non vorrebbe perdere del tutto la proprietà e per questo sta nicchiando, ma entro il 28 aprile ci sarà la risposta definitiva.