Breve riassunto della giornata di ieri: su indicazione di Silvio Berlusconi, il Cda della Fininvest ha dato un mandato in esclusiva fino al 15 giugno (data presa anche per rispettare gli impegni sportivi) per trattare con una cordata cinese la cessione del club rossonero su una base di circa 500 milioni di euro.

Da quanto comunica l’Agi, l’acquisto del 100% della società rossonera avverrà in tre anni e coinvolgerà undici società cinesi. Apripista dell’operazione è stato il famoso Jack Ma, che però non sarebbe direttamente coinvolto nell’acquisto. Le undici società formerebbero un consorzio di investitori con a capo una società operante nel campo delle energie rinnovabili, che soprattutto in Cina sta avendo uno sviluppo abnorme visti gli enormi problemi di inquinamento. La trattativa resta però ad uno stato embrionale: non è prevista una penalità in caso di mancato accordo prima dei termini di scadenza e le cifre, seppur non inferiori ai 500 milioni, sono ancora incerte. Finora, possiamo dire, la massima parte dello sforzo è stata vincere le resistenze di Silvio Berlusconi alla cessioni. Una volta apertosi il primo timido spiraglio, si è potuto dare il via alle vere e proprie operazioni di trattativa.

Stamattina inoltre è arrivato anche l’ok di Marina Berlusconi che spinge per una chiusura positiva della trattativa. Il prossimo passo sarà la presentazione delle garanzie da parte delle società della cordata.

LEGGI ANCHE:

Milan, Marani: “Ibra non serve alla squadra, Bacca da tenere”

Milan, Trevisani: “Non è detto che la squadra torni grande”