Cessione Milan, il Barone (Curva Sud): "Situazione ambigua"

Le indiscrezioni sulla cessione del Milan e la crescente attesa per una svolta che sarebbe epocale dopo i 29 anni dell’era Berlusconi, non potevano non suscitare forti reazioni negli esponenti più caldi della Curva Sud, a cominciare dal suo leader Giovanni Carlo Capelli, alias “il Barone” che ai microfoni di MilanNews.it ha così commentato la possibile cessione del club a Bee Taechaubol: “Come tifosi auspichiamo che la trattativa si concluda al più presto. Poca fiducia nei confronti di Mr. Bee? Diciamo che si sta tirando troppo la corda, la situazione sembra ambigua”.

Il Barone si è poi soffermato su Silvio Berlusconi e sul suo possibile ruolo nel Milan del futuro: “La permanenza di Berlusconi mi sembra difficile, non credo voglia restare al Milan. Se così fosse stato la cessione del club non avrebbe fatto così tanto clamore”. Capelli ha voluto inoltre fare il punto sulla persistente protesta della Curva Sud, cominciata con l’hashtag #saveacmilan e portata avanti anche in Milan-Genoa: “La nostra protesta continuerà sempre, andiamo avanti fino in fondo per la nostra strada”.

Sulla cessione del Milan a Bee Taechaubol, il Barone ha poi aggiunto: “Il presidente ha ormai preso la sua decisione in modo serio. Vista la delicatezza della cosa dubito stia scherzando. E’ normale che non voglia lasciare il Milan nelle mani di persone di cui non si fida, il Milan è il Milan“. Un’ultima battuta infine sul difficile momento di Pippo Inzaghi: “Sapete tutti cosa pensa di lui la tifoseria, dispiace anche umanamente per quello che gli sta capitando. L’allenatore influisce, ma molti giocatori non hanno tirato fuori gli attributi”. 

Leggi anche: