Cessione Milan: incontro Berlusconi-emissaria cinese ieri ad Arcore

Tutto finito tra Bee Taechaubol e Silvio Berlusconi? Nient’affatto, dal momento che la trattativa per la cessione del Milan è ancora alle battute inziali e, come emerso dalle dichiarazioni dei protagonisti dell’affare, ancora molto resta da trattare e definire. L’ultima novità di ieri, smentita da Berlusconi con un comunicato Ansa, vorrebbe l’ex Premier intento a trattare su un doppio fronte: non solo quello thailandese, ma anche quello cinese capitanato da Richard Lee. Nonostante la smentita di Silvio Berlusconi, la vicenda del presunto incontro sembra tingersi di mistero: come riportato dall’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, ieri una donna di chiare origini asiatiche si è presentata ad Arcore ed è stata accolta con tutti gli onori del caso. Si tratterebbe di un emissario della cordata cinese in competizione con Mr. Bee.

La donna, sempre accompagnata da un’auto d’ordinanza di Silvio Berlusconi, ha fatto un tour generale del mondo Milan: prima San Siro, poi il museo di Casa Milan, infine  Villa San Martino.  La rosea sottolinea che l’obiettivo di questa manager, al pari di Richard Lee, sarebbe quello di convincere Silvio Berlusconi ad ascoltare la proposta della cordata cinese, scartando evidentemente le avance di Bee Taechaubol, il quale intanto pare avere qualche gatta da pelare: gli arabi della ADS Securities, soci del broker nell’affare sulla cessione del Milan, non sarebbero ancora completamente convinti e starebbero attendendo ulteriori chiarimenti sugli accordi presi da Bee Taechaubol.

Dalla vicenda della donna misteriosa sembra emergere un dato molto interessante: Bee Taechaubol non ha alcuna esclusiva a trattare con Fininvest o Silvio Berlusconi e l’impressione è che altri colpi di scena potrebbero accompagnare le prossime settimane dei tifosi rossoneri.

Leggi anche: