Cessione Milan, Maroni: "Mr Bee o Cinesi? Spero resti Berlusconi"

Non è ancora chiaro come si concluderà la cessione del Milan. I cinesi di Mr Lee e di Xi Jinping si contendono le quote della società rossonera con un Mr Bee quasi certo di divenirne proprietario e, nell’attesa che Berlusconi prenda la sua decisione definitiva, Roberto Maroni, Governatore della Regione Lombardia e grande tifoso del Milan, è tornato a parlare del futuro della società rossonera e, come detto qualche settimana fa, ha appoggiato il presidente Berlusconi: “Il mio amico Silvio mi pare abbia detto che non vuole cedere le quote di maggioranza, dunque io aspetterei”.

Se ad acquistare le quote, di maggioranza o minoranza, del Milan saranno i cinesi o i thailandesi è ancora da definire, ma Maroni non esclude che Berlusconi possa tenersi il Milan. D’altra parte lo stesso presidente rossonero aveva escluso una cessione simile a quella fatta in casa Inter: “Secondo me Mr Bee è Mr Silvio Berlusconi, con una ‘e’ dopo la ‘B'”. L’unica certezza è che ci sarà un nuovo ingresso in società: “Cinesi o thailandesi è uguale, non ho preclusione di etnie o paesi. Ciò che importa è che, chiunque arrivi, investa dei soldi per riportare il Milan agli splendori di un tempo. L’ultimo grande successo è la Champions nel 2007 e sono già trascorsi 8 anni”.

Infine esprime il suo desiderio. Il Milan può anche essere ceduto e avere nuovi proprietari, tuttavia Maroni si augura che il presidente continui ad essere Silvio Berlusconi: “Spero che Berlusconi rimanga presidente a vita, anche solo onorario. Questo schema è quello preferito dai milanisti. Che ci sia o meno la famiglia poco importa. L’importante è che Berlusconi resti presidente del Milan e qualcuno metta i soldi”.

Leggi anche: