Cessione Milan, torna di moda la pista cinese

Torna di moda la pista cinese per quanto riguarda la cessione del Milan: infatti, stando a quanto riferisce l’odierna edizione del Corriere della Sera, la cordata guidata da un advisor americano sarebbe vicino a trovare un accordo.

Sempre secondo il noto quotidiano milanese, a differenza di quanto si diceva di Mr Bee, questa nuova cordata asiatica sarebbe interessata ad acquistare la maggioranza delle quote societarie per 650/700 milioni di euro, una valutazione minore rispetto a quella fatta dal broker thailandese, ma forse più reale.

Se dovesse andare in porto l’affare, Berlusconi manterrebbe l’incarico di presidente onorario e negli anni cederebbe gradualmente tutte le sue quote fino a uscire dalla compagine societaria.

Una prima firma potrebbe già arrivare prima dell’estate per far sì che si possa operare al meglio sul mercato, poi il closing definitivo dovrebbe arrivare in autunno, ma ovviamente c’è da attendere che Silvio Berlusconi decida di dare il via al processo che, dopo trent’anni, lo porterebbe a non essere più il patron rossonero.

In questi mesi ne sono girate di voci relative alla cessione del Milan e la lunga ed estenuante trattativa con il famigerato Mr. Bee ha tenuto con il fiato sospeso molti tifosi che hanno seguito con passione quella che poteva diventare una svolta epocale.

Leggi anche:

Dirigenza, società, squadra: cosa resta di questo Milan?

Cessione Milan: cordata cinese pareggia Mr. Bee