Milan VS Election Day, è oggi il giro di boa per la trattativa tra Silvio Berlusconi e la cordata cinese. Secondo molti la saga della cessione del Milan ai possibili compratori orientali sarebbe stata solo un’abile manovra politica del presidente rossonero.

Da domani probabilmente bisognerà iniziare a scoprire le carte e finalmente sarà possibile capire se sussiste concretamente la volontà di vendere il club o se invece Berlusconi resterà il patron della società di via Aldo Rossi.Galliani Berlusconi
A fronte di queste voci di corridoio, il lavoro degli advisor e dei manager Fininvest procede con i classici alti e bassi, stop e passi indietro tipici di qualunque operazione finanziaria di un certo peso.
Nonostante le dichiarazioni fatte dal numero uno rossonero (poco apprezzate dai cinesi), le barzellette di dubbio gusto in una fase così importante per la chiusura dell’affare e i dubbi intorno all’intera vicenda, sembra che tra una decina di giorni si avranno le prime risposte.

Da entrambe le parti in causa arrivano parole rassicuranti in merito alla trattativa. Nessuna anomalia dunque, anche se a oggi in ballo ci sono soltanto svariate ipotesi e quasi zero certezze.

LEGGI ANCHE: