Cessioni Inter, 162 milioni dal Settore Giovanile

Negli ultimi dieci anni l’Inter ha concluso una serie di cessioni di giocatori provenienti dal proprio settore giovanile che hanno portato nelle casse nerazzurre la bellezza di 162 milioni di euro. Quasi tutti impiegati per risanare un bilancio in rosso, le cessioni sono sì state d’aiuto per il fatturato ma, dall’altro lato, hanno privato l’Inter di giovani talenti che hanno trovato rifugio altrove, in alcuni casi anche in squadre rivali.

È il caso di Leonardo Bonucci, adesso in forza alla Juventus, ma anche di Duncan e Benassi che hanno lasciato il settore giovanile dell’Inter rispettivamente nelle stagioni 2009-2010; 2013-2014; 2014-2015. Solamente tre i giocatori che, cresciuti nel vivaio nerazzurro, non sono stati ceduti e adesso militano in prima squadra. Si tratta di Biabiany, Gnoukouri e Santon che però non figurano attualmente tra i titolarissimi di mister Mancini. Insomma l’Inter investe sì nel proprio settore giovanile ma non per rinforzare la prima squadra con i talenti cresciuti in casa, al contrario per far cassa, con le cessioni, e impiegare la liquidità non solo e non tanto in nuovi acquisti, quanto per il risanamento del bilancio.

162 milioni in dieci anni sono davvero un bel bottino che sarebbe potuto lievitare e avrebbe potuto generare un maggiore guadagno se l’Inter avesse investito sul talento dei più promettenti giovani…

TUTTE LE NOTIZIE SULL’INTER