Cessioni Inter, si studia una soluzione per Botta

L’Inter è alla ricerca di una soluzione per Ruben Botta. La società nerazzurra vuole cederlo solo in prestito, perché crede nelle sue qualità e spera quindi che qualche media squadra di Serie A possa valorizzarlo. Ieri, come riportato dal sito gianlucadimarzio.com, c’è stato un incontro tra il direttore sportivo dell’ Inter Ausilio e l’agente del giocatore, per studiare l’ipotesi migliore per tutti.

Le squadre che finora hanno mostrato interesse per Botta sono le due veronesi, il Parma e il Torino. In particolare si è sviluppato un discorso con il Chievo, ma non è stato raggiunto un accordo con tra le due società finora. Con il Torino si è provato a inserire il centrocampista argentino nella trattativa per Cerci, ma questa pista per ora sembra in ribasso. Un paio di giorni fa invece è avvenuto un incontro il procuratore di Botta e il ds del Parma Leonardi, definito positivo da entrambe le parti.

Proprio il Parma sembra ora la società in vantaggio per Botta; i ducali sono infatti interessati a Schelotto e a Biabiany, e il centrocampista nerazzurro rientrerebbe nell’affare come contropartita tecnica. In questo caso il milione che l’Inter chiede per il prestito oneroso sarebbe scalato dal conguaglio in denaro per Biabany. Più defilato sembra invece il Verona, che prenderebbe Botta come sostituto di Iturbe.

Leggi anche -> Inter Botta rimane, con il Chievo nessun accordo

Leggi anche -> Calciomercato Inter, Botta al Torino e Cerci nerazzurro?