Cessioni Milan, Alessandro Matri vicino alla Fiorentina?

Le parole di ieri in conferenza stampa di Adriano Galliani hanno certificato che il probabile sacrificato dell’attacco rossonero sarà Alessandro Matri. Troppo poco quel gol inutile a Parma in 18 partite, sempre troppo poco incisive le sue prestazioni in un modulo che, è bene mettere in chiaro, non esalta al massimo le sue caratteristiche.

Con il via libera di ieri iniziano a susseguirsi le voci di mercato e in queste ore sono diverse le squadre che hanno bussato alla porta del Milan per chiedere l’attaccante lodigiano in una vera e propria asta. Inizialmente la destinazione sembrava Roma, sponda biancoceleste, con un trasferimento a titolo definitivo in uno scambio che prevedeva Hernanes in rossonero: col passare dei giorni però questa voce si è affievolita.

Successivamente i rumors di mercato parlavano di una Sampdoria intenzionata a rilevarlo in prestito o a titolo definitivo facendo rientrare nella trattativa l’altra metà di Andrea Poli e possibili opzioni su Obiang e Krsticic.

Matri Allegri

E’ di ieri invece la notizia che anche oltremanica si sono interessati al numero 9 rossonero, con il West Bromwich pronto a offrire un prestito oneroso fino a fine stagione ma il calciatore sembra non gradire la destinazione.

Nelle ultime ore l’interessamento più concreto però sembra venire da Firenze: la squadra viola, alla ricerca di un finalizzatore che possa sostituire gli infortunati di lungo corso Giuseppe Rossi e Mario Gomez, ha individuato in Matri l’uomo giusto per sopperire a queste assenze.

Il Milan dal canto suo sta valutando ma sembra intenzionato ad accettare la condizione viola del prestito secco fino a fine stagione soprattutto per cercare di liberare le casse rossonere di un ingaggio importante, almeno per 6 mensilità, e per riuscire a far ritrovare fiducia e continuità ad un giocatore che negli anni scorsi aveva messo a segno molti gol e adesso sembra aver smarrito la sua efficacia sotto porta.

 Leggi anche-> Il Milan ci prova per Essien

Leggi anche-> Ecco quando esordirà Honda