Che fine ha fatto Riccardo Maspero: dalla "buca" nel derby a tecnico del Ciliverghe (BS)

Lungo il ventennio di carriera calcistica Riccardo Maspero, nato a Lodi, classe 1970, ha indossato numerosissime casacche e vissuto diverse esperienze tra la serie A, la serie B e le categorie minori. Tra i ben quindici club di cui Maspero indossò i colori, spiccano le tre stagioni trascorse al Torino e le ancor più brevi soste a Firenze e Genova (lato Sampdoria).

Ciò che indubbiamente torna alla mente dei tifosi e degli appassionati di calcio quando si parla di Riccardo Maspero è la “famosa buca” chiamata ormai comunemente “la buca di Maspero” che connotò indimenticabilmente il derby tra la Juventus e il Torino dell’ormai lontano 14 ottobre 2001.

Nella cornice del Delle Alpi scesero in campo i granata guidati allora da Camolese e la Juventus di Marcello Lippi. Quasi allo scadere del tempo regolamentare il punteggio era fermo sul 3 a 3 (doppietta di Del Piero e rete di Tudor per la Juventus. Lucarelli, Ferrante e lo stesso Maspero i marcatori del Torino) quando l’arbitro decise di assegnare un rigore alla formazione bianconera. Approfittando del marasma dovuto alle vivaci polemiche dei granata nei confronti del giudice di gara, Riccardo Maspero si avvicinò furtivamente al dischetto e scavò una piccola buca, la quale si rivelò poi decisiva visto che Marcelo Salas, ottenuto l’onere e l’onore del penalty, lanciò alto sopra la traversa e il match terminò solo pochi minuti dopo a punteggio pari.

Intere pagine e servizi televisivi furono dedicati alla “buca di Maspero”, elemento di disturbo fondamentale nell’errore del matador bianconero. Riccardo Maspero entrò quindi in quella parte di storia del calcio che tredici anni fa fece infuriare i tifosi bianconeri, ma che oggi lascia spazio ad un ricordo del quale sorridere.

Maspero disse addio al calcio giocato nel 2012 dopo un’ultima stagione militata tra le fila del Pro Desenzano, squadra appartenente all’Eccellenza Lombarda. Ed è ancora in quella stessa categoria che tutt’oggi ritroviamo l’ex granata. In attesa del conseguimento del patentino di allenatore professionista, Maspero è ora alla guida della prima squadra del Ciliverghe, team di un piccolo paese della provincia di Brescia non lontano dalle sponde del lago di Garda. Sponsorizzata dalla scuola calcio Inter, la società Polisportiva Ciliverghe conta circa 130 giovani atleti. La formazione guidata da Riccardo Maspero si trova tutt’ora al primo posto in classifica, ad un passo dalla promozione in serie D.

 

Leggi anche–> Che fine ha fatto Paolo Montero: dalla “Pigna” a procuratore in Sud America
Leggi anche–> Che fine hanno fatto i gemelli Filippini: dalla serie A al Feralpi Salò