Chiusura Curva Nord, Fassone: "Siamo certi che prevarrà il buon senso"

A margine della serata di festa del settore giovanile nerazzurro, i giornalisti hanno avuto modo di intervistare Marco Fassone, direttore generale dell’Inter. In particolare i cronisti si sono soffermati sulla questione della squalifica della Curva Nord e. quindi, della possibilità di disputare un derby senza parte dei tifosi.

Va ricordato che, in questi giorni, anche gli ultrà del Milan hanno dato il loro sostegno alla causa interista, minacciando di non entrare allo stadio in caso di assenza forzata del tifo nerazzurro. Fassone ha espresso il suo parere sottolineando come la società di Corso Vittorio Emanuele speri, in effetti, nell’accoglimento del ricorso presentato presso la Corte Federale.

Ecco, nel dettaglio, le parole rilasciate dal consigliere delegato di Inter Brand: “Facciamo leva sulla sproporzione delle sanzioni rispetto a quelle che sono state le rilevazioni della procura e del giudice sportivo. Siamo abbastanza confidenti che prevarrà il buon senso. Poi non voglio entrare nel merito di questioni che competono chi ha la responsabilità dell’ordine pubblico: comunque vada saranno decisioni che ovviamente accetteremo e adempiremo alle direzioni che ci verranno fornite in tal senso. Sarebbe un grande dispiacere giocare un derby con una parte di stadio vuota. Sembra eccessivo chiudere un settore da ottomila persone a causa del comportamento sbagliato di un qualche centinaio”.

Derby Inter MilanNel primo pomeriggio di ieri si era diffusa la notizia della decisione, da parte della Prefettura milanese, di aprire la Curva per “motivi di ordine pubblico”, salvo poi essere smentita da un comunicato ufficiale rilasciato dalla stessa Prefettura all’agenzia ANSA. L’obiettivo dei nerazzurri è quello di far annullare o comunque rinviare la squalifica del giudice Tosel, in particolare la tesi dell’avvocato dell’Inter Angelo Capellini poggia su un aspetto: il club nerazzurro non può essere considerato recidivo perché la prima sanzione (la chiusura della curva decisa dopo Torino-Inter) non è ancora passata in giudicato, dato che la Corte federale l’ha sospesa dopo l’appello.

Insomma, anche se tutti pensiamo che la norma sia assurda, le regole vanno rispettate e il timore della Corte Federale è di creare un pericoloso precedente.ora, perciò, non resta che aspettare l’esito del ricorso così sapremo se la squadra nerazzurra potrà contare sui cori dei propri tifosi, oppure se sarà un derby un po’ diverso, in tono minore sicuramente.

TUTTO SU INTER-MILAN

Leggi anche -> Derby Inter-Milan: Le coreografie più belle della Curva Nord

Leggi anche -> Scommesse, quote Inter-Milan: Partita equilibrata secondo i bookmakers