Chivu lascia l'Inter: "Avrei mille cose da dirvi"

E’ un Cristian Chivu visibilmente commosso quello che si presenta davanti a Roberto Scarpini e ai microfoni di Inter Channel dopo il comunicato ufficiale che ha sancito la rescissione consensuale del suo rapporto con l’Inter. Dopo il saluto lasciato ai propri fan attraverso il proprio profilo Facebook, il difensore romeno ha proseguito poi davanti alla telecamere del canale ufficiale del club.

E’ stata dura dire il basta, ma Chivu non ha rimpianti: “E’ la vita, nessun rancore. Finisce un viaggio ma inizia una nuova vita, la prendo così”. All’Inter solo soddisfazioni, anni stupendi e ricordi indelebili: “Non trovo gli aggettivi giusti per esprimere cosa ha trascorso non solo negli ultimi sette anni ma anche per la carriera. Dico grazie per tutto”.

Quali sono i ricordi dei tanti trionfi degli anni scorsi? “Sì ma siamo tanti protagonisti. E’ stato il frutto di un lavoro di un grande staff tecnico e medico, con giocatori con una certa voglia di fare la storia di questa società, e un club che è stato all’altezza. E’ stato creato tutto in un ambiente perfetto, anche voi dell’emittente che avete gestito la situazione come dovevate rispettando tutto quello che c’era intorno a questo ambiente. Sono stati momenti bellissimi che porterò nel mio cuore”. 

Come si sente Chivu ora che ha deciso di appendere le scarpe al chiodo? “Ho passato tanti momenti così, ma mi hanno dato la forza per andare avanti. Non rimpiango niente e non do colpe a nessuno, quello che c’è scritto nel destino si compie, tu non puoi fare nulla. All’inizio scherzavo dicendo che avrei smesso per un dito, ma in realtà era una cosa più complicata e ho capito di aver ragione. Ho fatto tutto col cuore…”              

In conclusione, solo lacrime e commozione per un grande che ha fatto la storia recente dell’Inter difendendone i colori sui campi d’Italia, d’Europa e del Mondo.

ECCO IL VIDEO INTEGRALE DELL’INTERVISTA

Leggi anche–> Chivu e l’Inter: addio!

Leggi anche–> Chivu si ritira: “Devo ringraziarvi tutti, ad uno ad uno”