Come cambia la Juventus con Allegri

La calma dopo la tempesta. Le dimissioni di Antonio Conte e l’arrivo di Allegri sulla panchina della Juventus hanno stravolto tutti i piani della società. C’è aria di cambiamento in casa bianconera: il tecnico ex Milan è stato scelto per avere maggiori garanzie in Europa, soprattutto dalla formazione; Allegri infatti passerà ad un 4-3-3, modulo che con il Milan ha tenuto bene in Champions League.

Saranno confermati tutti i senatori: da Buffon a Barzagli, da Lichtsteiner a Chiellini, fino a Pirlo, il quale non aveva avuto buoni rapporti con Allegri, ma quello era un altro contesto. Il nuovo tecnico bianconero avrà per la difesa un nuovo terzino, Evra, e molto probabilmente spingerà per l’acquisto di Abate, già seguito dalla Juventus.

Il centrocampo è il reparto che potrebbe essere maggiormente rivoluzionato, non avrà più gli esterni ed agiranno un regista, un mediano ed una mezzala. Nell’aria si avverte che le dimissioni di Conte siano dovute anche ad una cessione forzata o di Vidal o di Pogba, uno dei due formerà il centrocampo della nuova Juve insieme a Pirlo e Marchisio.

Infine l’attacco, Tevez sarà spostato come ala e in attesa di conoscere l’altro attaccante di fascia che sarà acquistato, la punta sarà Alvaro Morata, che a giorni sarà a Torino per firmare il contratto che lo legherà al club bianconero. Una vera e propria rivoluzione, Allegri dopo l’esperienza con il Milan non ha una buona nomea, ma potrebbe essere l’allenatore del riscatto in Europa per la Juventus.

Leggi anche –> Juve, Angelo Alessio si dimette insieme a Conte
Leggi anche –> Allegri domani a Vinovo? L’accordo con la Juve è vicino
Leggi anche –> Dimissioni Conte, Gigi Buffon: “Un fulmine a ciel sereno”