Conferenza Stampa Arsenal-Milan, Gattuso: “Serve partita perfetta”

Le parole del tecnico rossonero alla vigilia dell'incontro di Europa League

Per Gattuso serve una partita perfetta. Il mister del Milan si presenta in conferenza stampa insieme a Suso. La gara con l’Arsenal è alle porte e servirà una grande prestazione per passare il turno; sinora solamente una volta è stato rimontato uno 0-2 casalingo in una partita di ritorno.

Le parole del tecnico rossonero

L’allenatore del Milan siede a fianco di uno dei calciatori più rappresentativi della squadra rossonera, le prime domande ricordano l’andata, una partita nefasta: “All’andata ci hanno messo in difficoltà, l’avevano preparata meglio di noi. Possiamo fare molto meglio, c’è un po’ di stanchezza ma dobbiamo provarci“. Per Suso si parla invece di mentalità e di importanza di questa partita per il futuro della squadra: “Domani dovremo giocare con la mentalità giusta e farlo da squadra. Sarà una partita molto bella per le due squadre, ma dobbiamo migliorare e provare a vincerla“.

Gattuso torna sulla preparazione del match, migliorata a suo avviso dopo l’andata che ha mostrato le debolezze del suo Milan. “Ci proviamo, è il nostro sogno, bisogna fare la partita perfetta“. Ma oltre alle speranze, Gattuso analizza al meglio anche le ultime partite rossonere in generale: “Dobbiamo cominciare a verticalizzare di più, siamo calati in questo ed infatti facciamo gol a fatica“.

Le dichiarazioni su Montella e Calhanoglu

Sia la Juventus in Champions che il Siviglia sembrano paragoni propizi per la gara che il Milan dovrà affrontare, con la stampa inglese che era convinta di risultati diversi, risponde Suso e lo fa con chiarezza: “Dalla Juve dobbiamo prendere il non arrendersi mai e il preparare bene la partita. Io non sono sorpreso, pensavo che la Juventus si sarebbe qualificata facilmente“; Gattuso vira sul Siviglia del suo predecessore: “E’ un risultato storico, sono contento per Vincenzo e per il suo staff, una partita meritata”.

Si parla infine dei singoli dopo che di Andrè Silva Gattuso ha solo detto che deve lavorare ancora per migliorarsi: “A Donnarumma bisogna stare vicino, per fargli capire quanto è importante per noi“. Si passa poi a Kalinic e Chalanoglu, quest’ultimo forse il più stanco in questo momento: “Kalinic si recupera (come calciatore, ndg) col lavoro, bisogna far tirare i nostri attaccanti, che sono tre, tutte punte centrali. L’attaccante vive per il gol e noi dobbiamo essere bravi e farlo trovare ai nostri giocatori”. Su Chalanoglu: “L’ho visto bene, la tensione porta grandissima stanchezza, e noi stiamo spendendo tanto mentalmente, forse è un po’ stanco, ma ha sempre le stesse qualità per me.”

Cosa si attende Gattuso

L’allenatore rossonero non si sbilancia su chi giocherà, unica certezza: Donnarumma. L’analisi dell’allenatore rossonero è come sempre completa e dettagliata, pochi riferimenti alla partita vinta col Genoa, il mister sa bene cosa bisogna migliorare e che la sua squadra segna poco di recente, come dichiarato in Conferenza Stampa, serve una squadra perfetta, queste le parole di Gattuso alla vigilia di Arsenal-Milan di Europa League.