Cori Discriminatori, Amelia su Facebook: "Bambini, non prendete esempio da noi adulti!" (Foto)

Nell’ultima giornata di campionato di Serie A, il calcio non è stato il solo protagonista del rettangolo verde. Ad esso, infatti, si sono aggiunti episodi veramente spiacevoli: dalla frase razzista che il giocatore del Catania Spolli avrebbe pronunciato ai danni di Balotelli, ai cori discriminatori dei tifosi romanisti contro i napoletani in Atalanta-Roma, sino a giungere alle polemiche che hanno invaso lo Juventus Stadium riguardo i presunti cori impropri dei bambini ieri spettatori di Juventus-Udinese.

A dire la sua riguardo questo aspetto che con il calcio ha poco a che vedere è intervenuto il portiere rossonero Marco Amelia che, su Facebook, ha commentato: Più passa il tempo e più mi accorgo di quanto il calcio non unisca ma accresca solo odio“. Dopo questa breve premessa, tenendo in considerazione gli ultimi eventi, si rivolge ai bambini dicendo: “NON prendete esempio da noi adulti che a quanto pare non sappiamo far capire, comprendere e dimostrare i valori di questo sport a voi che sarete tifosi e perché no anche giocatori di domani”. 

Quindi prosegue: “Coltivate i vostri sogni, tifate, correte e gioite per la vostra squadra del cuore, crescete nei sani valori sportivi e magari un giorno raggiungerete anche il sogno di poter indossare una maglietta da calcio, di far parte di un gruppo di giocatori che rappresentano dei colori e i sogni di molti tifosi. Il calcio è nelle vostre mani e, finché ci sarà quel pallone che rotola ci saranno bambini che lo rincorreranno che un giorno, spero, diventeranno uomini!”

amelia

Parole piene di amarezza ma anche di fiducia in quei bambini che rappresentano il nostro futuro e che, si augura come ci auguriamo tutti, possano essere da esempio agli uomini di oggi che molto spesso dimenticano la loro umanità e il loro ruolo di guida.

Leggi anche-> Insulti a Balotelli: parla l’agente di Spolli

Leggi anche-> Lite Balotelli-Spolli: Niente prova Tv