Michele Criscitiello, storico giornalista e commentatore sportivo dell’emittente Sportitalia, è durissimo nei confronti dell’avvento di Cristian Brocchi come allenatore del Milan. Ecco le sue parole, riportate dal sito Milan News:

“Fuori un altro. Più che Mihajlovic il Milan ha segato un altro potenziale futuro allenatore: Christian Brocchi. Ci mettiamo nei panni del nuovo allenatore del Milan come ci siamo messi in quelli di Inzaghi. Quando il treno passa lo devi prendere…ma non in faccia”. Inizia così quella che sembra una vera e propria lettera nei confronti dei tifosi milanisti.

“Quando parliamo di un allenatore con un futuro non per forza sosteniamo che debba fare la carriera di Ancelotti ma una media serie A o una buona serie B sì – continua Criscitiello – Inzaghi oggi cerca una panchina e andrebbe ben volentieri anche in una società di B, purché affermata e con un mezzo progetto. Il problema è che quando parti dal Milan prima squadra poi perdi la dimensione della gavetta. Lo stesso rischio corre Brocchi”.

L’inizio non è stato dei migliori dal punto di vista comunicativo:

“Galliani ha già avvisato: “male che vada tornerà a fare la Primavera”. Peggior inizio non potrebbe esserci. Ormai da Arcore arrivano solo scelte senza senso. Se prima ce la prendevamo con Galliani, oggi non possiamo rimproverargli nulla. Ha difeso Sinisa e in conferenza ha appoggiato la scelta del Presidente. Non avrebbe potuto fare altrimenti. Ma da uomo di calcio qual è non poteva appoggiare, in sede privata, una decisione illogica”.

Secondo Criscitiello il licenziamento di Mihajlovic segna la fine dell’era Berlusconi:

“Non c’è futuro, c’è un presente che potrebbe sembrare dorato ma è la vera mazzata che Brocchi non meritava. Sinisa e Berlusconi hanno litigato di brutto dopo la gara con la Juventus e licenziare un allenatore dopo un’ottima prestazione contro i più forti di tutti è il segnale che l’epoca è finita. Avanti un altro”.

LEGGI ANCHE:

Repubblica: “Berlusconi vicino a cedere, e Bacca…”

Il Monaco chiama, Balotelli risponde: prossimo affare?