Crisi Parma, evitata la messa in mora: pagamenti effettuati?

Allo scadere dell’ultimatum, mezzanotte del 16 febbraio, sarebbero stati disposti i pagamenti a favore dei giocatori del Parma da parte della società guidata dal neo presidente Manenti. Sarebbe così stata evitata la messa in mora della squadra ducale. Certo ancora non c’è un comunicato ufficiale che certifica l’avvenuto pagamento degli stipendi fino a dicembre 2014 e altre pendenze IRPEF di valore circa 30 milioni di euro, ma serpeggia buonumore che è propedeutico al non fallimento della società che occupa l’ultimo posto in classifica in Serie A.

Manenti ha anche firmato e spedito in Federazione un documento in cui assicura di aver finalizzato gli adempimenti previsti per gli stipendi. Mentre per quanto riguarda le possibili penalizzazioni non sarebbero state escluse del tutto perché bisogna andare a valutare il conteggio dei pagamenti IRPEF che visto il tempo ristretto possono portare a un errore di calcolo. Bisogna però attendere la giornata di oggi e le comunicazioni ufficiali per capire fino a che punto la crisi del Parma è stata scongiurata.

Leggi anche: