Crotone ripescato in Serie A? Le Ultime su Parma e Chievo

I calabresi potrebbero essere ripescati, in B rischiano Foggia e Cesena

Un’estate turbolenta ed agitata per il calcio italiano. In Serie A e B sono molti i club a rischio d’iscrizione. Nel torneo cadetto a rischiare sono Foggia e Cesena. Per i bianconeri la situazione è alquanto compromessa poiché la società ha un debito molto alto con l’agenzia delle entrate e quindi è molto probabile che non possa iscriversi al prossimo campionato.

La situazione delicata del Foggia

Dall’altra parte, la Procura Federale ha chiesto per il Foggia la retrocessione in serie C a seguito dell’inchiesta che vede ben 37 tesserati deferiti per una serie di presunte violazioni legate ai principi di corretta gestione delle società affiliate alla FIGC per avere reimpiegato nell’attività gestionale e sportiva del Foggia Calcio s.r.l., nel corso delle stagioni sportive 2015/2016 e 2016/2017. Allo stato degli atti ci sarebbe un importo monetario molto ingente, sia a mezzo di bonifici, sia a mezzo di denaro contante, proventi di attività illecite di evasione e/o elusione fiscale, alcune delle quali integranti anche reato.

Nella massima serie a rischio Chievo Verona e Parma

In serie A il Chievo Verona sarebbe coinvolto in plusvalenze fittizie. La società, tramite il presidente Campedelli si è detta estranea alla vicenda avendo sempre agito nel pieno rispetto delle norme federali. Inoltre, ha ribadito la massima fiducia nelle decisioni della magistratura sportiva. Il processo di primo grado si terrà tra due settimane. Dall’altra vi è il Parma, neopromosso in massima serie. La squadra ducale è a processo per alcuni messaggi inviati dai propri tesserati ai calciatori dello Spezia prima della gara che ha sancito poi la promozione in serie A.

La Procura Federale nei prossimi giorni si esprimerà sulla vicenda. In caso di retrocessione dei ducali o della mancata iscrizione del Chievo Verona, il Crotone potrebbe sperare in un ripescaggio. Il presidente Gianni Vrenna ha detto: “Staremo attenti a quello che accadrà. Riserveremo attenzione a questa storia molto più che alle vicende del Parma perché in questo caso siamo tirati direttamente in ballo noi”.